Punto Antico

Il Punto antico non è solo un punto, bensì un preciso stile di ricamo risalente al 1400, quando veniva utilizzato tradizionalmente come ricamo “semplice” per ornare la biancheria per la casa e anche la biancheria personale.

Il punto antico è una tecnica di ricamo a fili contati da eseguire su tessuto a trama visibile e regolare. La tessitura è regolare quando 1 cm2 di tessuto contiene lo stesso numero di fili, sia per la trama che per l’ordito. Un lino 10×10, conta dieci fili per cmq (trama molto larga), un lino 22×22 (trama fitta) contiene ventidue fili per cm2. Per la realizzazione della tecnica a punto antico è opportuno scegliere una trama che può andare da 11×11 a 15×15 fili, o usare bisso, ma anche canapa o juta, ovviamente la scelta è in ragione dell’effetto artistico che si vuole ottenere. La decorazione a punto antico, molto lineare e sobria, si basa sull’alternarsi di vuoti (come le sfilature o gli ajourés) e pieni nella forma di disegni geometrici a punto reale a volte un po’ rigidi ma sempre molto aggraziati ed eleganti a cui si aggiungono punti a rilievo come il punto vapore o il punto riccio, e punti di finitura come il punto erba, quadro, cordoncino e altri. Di conseguenza i punti che si utilizzano sono molti, ognuno con una particolare funzione (riempimento, trasparenza, rilievo, definizione delle forme)</>